LE ZONE DOP

1 Zona DOP Colli Martani

2 Zona DOP Colli Assisi-Spoleto

3 Zona DOP Colli del Trasimeno

4 Zona DOP Colli Orvietani

5 Zona DOP Colli Amerini  

 

 

 

LA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA “UMBRIA”, accompagnata  dalla menzione geografica “Colli Assisi-Spoleto” è riservata all’olio extravergine di oliva  ottenuto dalla varietà di oliva: Moraiolo in una quantità non inferiore al 60%, Leccino e Frantoio, presenti da sole o congiuntamente, in una quantità non superiore al 30%.

Possono inoltre comparire altre varietà, fino ad un limite massimo del 10%.

AL CONSUMO, L’OLIO EXTRAVERGINE D’OLIVA DEI “COLLI  Assisi-Spoleto”deve rispondere ad alcune caratteristiche.

Colore, dal verde al giallo. Odore, fruttato forte. Sapore, fruttato con forte sensazione di amaro e piccante. Acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non superiore a 0,65 grammi per 100 grammi di olio. Punteggio al Panel  Test, maggiore o uguale a 7,0. Numero perossidi, minore o uguale al 0,20.

Acido oleico, minore o uguale all’82%.

Polifenoli totali, maggiori o uguali a 150 ppm.

LA DENOMINAZIONE D’ORIGINE  CONTROLLATA DELL’AREA geografica “Colli Amerini” è riservata ad olio extravergine d’oliva ottenuto da Moraiolo in misura non inferiore al 15%,  Rajo, Leccino e Frantoio in misura non superiore all’85%. Anche in questo caso, possono essere presenti altre varietà in una quantità non superiore al 10%. Al consumo l’olio deve rispondere ad alcune particolarità. Colore, dal verde al giallo. Odore, fruttato medio. Sapore, fruttato con media e leggera sensazione di amaro e piccante. Acidità massima totale, 0,65 grammi per 100 grammi di olio. Punteggio al Panel test, maggiore o uguale a 7,0. K323, minore o uguale a 7,0. K323, minore o uguale a 2,0.K270, minore o uguale 0,20 Acido oleico, minore o uguale all’82%. Polifenoli totali, maggiori o uguali a100 ppm.

 

LA DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA “UMBRIA”

Accompagnata  dalla menzione “Colli Martani”, è riservata all’olio extravergine di oliva ricavato dalla qualità d’olio: Moraiolo in misura non inferiore al 20%, San Felice e Leccino in quantità non superiore all’80%, possono inoltre concorrere altre varietà fino ad un massimo del 10%. All’atto dell’immissione al consumo, l’olio deve rispondere alle seguenti caratteristiche. Colore, dal verde al giallo. Odore, fruttati medi/forti. Sapore, fruttato con forte o media sensazione di amaro e piccante. Acidità massima totale, 0,65 grammi per 100 grammi di olio. Punteggio al Panel Test, maggiore o uguale a 7,0. Numero perossidi, minore o uguale a 12. K323, minore o uguale a 2,0. K720, minore o uguale a 0,20. Acido oleico, minore o uguale all’82 per cento. Polifenoli totali, maggiori o uguali a 125 ppm.

 

LA DENOMINZIONE “UMBRIA” accompagnata dalla menzione geografica

“ Colli del Trasimeno” si riferisce a un olio extravergine di oliva ottenuto dalle varietà di olivo Moraiolo  (o Dolce Agogia”) in misura non inferiore al 15%, Frantoio e Leccino in misura non superiore al 65%.Possono inoltre essere inserite altre varietà, per non più del 20%. Al consumo, l’olio si presente con le seguenti  caratteristiche. Colore, dal verde al giallo. Odore, fruttato medio/leggero. Sapore, fruttato con media o leggera sensazione di amaro e piccante. Acidità massima, 0,65 grammi per 100 grammi. Punteggio al Panel Test, maggiore o uguale a 7,00. Numero parossidi, minore o uguale a 12. K323, minore o uguale a 2,0. K270, minore o  uguale a 0,20.Acido oleico, minore o uguale all’81%. Polifenoli totali, maggiori o uguali a 100 pmm.

LA DENOMINAZIONE  DI ORIGINE CONTROLLATA “UMBRIA” accompagnata dalla dicitura “Colli Orvietani”, si riferisce ad un olio extravergine di oliva, prodotto utilizzando le seguenti varietà di olivo: Moraiolo non inferiore al 15%, Frantoio non superiore al 30%, Leccino non superiore al 60%. Possono inoltre essere inserite altre varietà in quantità non superiore al 20%. Al  consumo, tale olio risponde ad alcune caratteristiche. Colore, dal verde al giallo. Odore, fruttato medio. Sapore, fruttato con media sensazione di amaro e piccante. Acidità massima totale, non superiore a 0,65 gr. Per 100 gr. di prodotto. Punteggio al Panel Test, maggiore o uguale a 7,00.K323, minore o uguale a 2,0. K270, minore o uguale a 0,20. Acido oleico, minore o uguale all’82%. Polifenoli totali, maggiori o uguali a 100 ppm.

 

L’OLIO UMBRO E’ CONOSCIUTO PER LE SUE indubbie qualità, tant’è che tutto il territorio regionale è certificato con la sigla Dop, Denominazione di origine protetta, e la cosa è ancora più rilevante se si pensa che l’Umbria è stata la prima regione italiana alla quale l’Unione Europea ha concesso il marcio di qualità per l’intero territorio regionale. Infatti, seppure diviso in cinque zone, ognuna con le rispettive caratteristiche sia geografiche sia legate alla produzione, l’Umbria è tutta area a Denominazione di origine Protetta.

Un fiore all’occhiello per l’intero comparto agricolo umbro, che ha dunque nell’olio la sua punta di diamante. Amato e apprezzato, non solo dagli umbri, ma anche nelle altre regioni italiane e soprattutto all’estero, può essere a pieno titolo considerato un volano di sviluppo per il comparto agricolo, una spinta di propulsione verso una produzione sempre più votata alla qualità e alla genuinità. L’olio umbro Dop è infatti molto richiesto sia nei mercati italiani che internazionali, una richiesta in costante aumento e soprattutto legata alle sue qualità, da tanti riconosciute, relative sia  al sapore che al suo gusto, al suo inconfondibile aspetto, alla sua solida consistenza e alle sue qualità nutrizionali.